20 , -  




FAQ







-




















Eurasian Movement (English)



.. " "" -


.. " "

>>
>>
>>
>>
>>
>>
>>
(.) | mp3
.

(- mp3, . 1 )
:
- -
- -

--
[ ]
[ ]
[ -]
[ ]
[ ]
- [ ]
[ ]
[ ]
? []
[ ]
.. >>
>>
>>
>>
>>
" "
, 125375, , , 7, 4, 605, (. )
:
+7(495) 926-68-11
- , , , , CD, DVD, VHS , , "" .
E-mail:
  • " "
    -:
    +7(495) 926-68-11
  • - " "
  • . ()

  • [ ]

  • .
    : 117216, / 9, ..

    " "




  •    width=

      width=

    - width=
    Rambler's Top100



    ..

    -
    evrazia - lj-community
    -
    -




    (VIII )

    ( )

    ( )

    ( )

    . @Mail.ru
    Testi | Pietre miliare dell'Eurasismo | 12.04.2002 
    Archivio de EURASIA a cura di Martino Conserva original text

    PIETRE MILIARI DELLEURASISMO


    Leurasismo è una corrente ideologica e politico-sociale sorta nel contesto della prima ondata di emigrazione russa, unita dalla concezione della cultura russa come fenomeno non europeo che fra le varie culture del mondo presenta una originale combinazione di tratti occidentali ed orientali; pertanto essa appartiene contemporaneamente allOccidente e allOriente, e al tempo stesso non si riduce né alluno né allaltro.

    Fondatori delleurasismo
    N.S. Trubetskoj (1890-1938) filologo e linguista
    P.N. Savitskij (1895-1965) geografo, economista
    G.V. Florovskij (1893-1979) storico della cultura, teologo e patriota
    G.V. Vernadskij ( 1877-1973) storico e geopolitico
    N.N. Alekseev - giurista e politologo
    V.N. Ilin storico della cultura, letterato e teologo

    Il valore principale delleurasismo è consistito in idee sorte nel profondo della tradizione della storia e della statualità russa. Leurasismo ha guardato alla cultura russa non come ad una semplice componente della civiltà europea, ma come ad una civiltà originale, che riassume in sé le esperienze non soltanto dellOccidente ma anche, in pari misura, dellOriente.

    Il popolo russo, da questo punto di vista, non va collocato né fra i popoli europei né fra quelli asiatici; esso appartiene ad una comunità etnica eurasiatica pienamente originale. Tale originalità della cultura e statualità russe (che presentano al tempo stesso elementi europei ed asiatici) definisce anche lo specifico percorso storico della Russia, il suo programma nazional-statale, non coincidenti con la tradizione europeo-occidentale.

    Fondamenti

    Concezione della civiltà

    La civiltà romano-germanica ha elaborato un proprio sistema di princìpi e valori, che essa stesa ha eletto al rango di sistema universale. Tale sistema romano-germanico è stato imposto ai restanti popoli e culture con la forza e con lastuzia. La colonizzazione spirituale e materiale del resto dellumanità da parte dellOccidente costituisce un fenomeno negativo. Ogni popolo ed ogni cultura possiedono un intrinseco diritto ad evolversi secondo una propria logica. La Russia è una civiltà originale. Essa è chiamata non soltanto a contrapporsi allOccidente, salvaguardando fino in fondo il proprio percorso, ma anche a collocarsi allavanguardia di altri popoli e paesi della Terra nella difesa della propria libertà in quanto civiltà.

    Critica della civiltà romano-germanica

    La civiltà occidentale ha costruito il proprio sistema sulla base della secolarizzazione del cristianesimo occidentale (cattolicesimo e protestantesimo), ponendo in primo piano lindividualismo, legoismo, la competizione, il materialismo, il progresso tecnico, i valori del consumo, lo sfruttamento economico. La civiltà romano-germanica fonda il proprio diritto alla globalità non sulla grandezza spirituale, ma sulla rozza forza materiale. Anche la spiritualità e la forza degli altri popoli vengono da essa valutati solo in base alla sua propria rappresentazione della preminenza del razionalismo e del progresso tecnico.

    Il fattore spaziale

    Non esistono modelli di sviluppo universali, la pluralità dei paesaggi della Terra produce una pluralità di culture, ciascuna delle quali ha i suoi cicli, i suoi criteri interni, la sua logica.
    Lo spazio geografico influisce in misura enorme (talora decisiva) sulla cultura e sulla storia nazionale dei popoli. Ogni popolo, sviluppandosi in un determinato ambiente geografico, elabora le proprie forme nazionali, etiche, giuridiche, linguistiche, rituali, economiche e politiche. Il luogo in cui avviene lo sviluppo di un popolo o di uno stato predetermina in misura significativa la traiettoria e il senso di tale sviluppo fino al punto da divenire inscindibili. E impossibile separare la storia dalle condizioni spaziali, e lanalisi delle civiltà deve procedere non solo lungo lasse temporale (prima, dopo, sviluppo o non sviluppo di una nazione, ecc.) ma anche lungo quello spaziale (oriente, occidente, steppa, montagne ecc.).
    Nessun singolo stato o regione ha il diritto di pretendere di essere il metro di misura per tutti gli altri. Ogni popolo ha il proprio modello di sviluppo, i propri tempi, la propria razionalità, e deve essere compreso e valutato secondo criteri specifici intrinseci.
    Il clima dellEuropa, la piccolezza dei suoi spazi, linfluenza dei suoi paesaggi hanno generato la specificità della civiltà europea, nella quale prevalgono le influenze del bosco (Europa settentrionale) e della costa (Mediterraneo). Differenti paesaggi hanno generato differenti tipi di civiltà: le steppe sconfinate gli imperi nomadi (dagli Sciti ai Turchi), il deserto la civiltà araba (islamica), le terre del loess quella cinese, le isole montuose quella giapponese, lunione di steppa e bosco quella russo-eurasiatica. Limpronta del paesaggio vive nella storia intera di ognuna di queste civiltà, e non può esserne separato o soppresso.

    Stato e nazione

    I primi slavofili russi del XIX secolo (Khomjakov, Aksakov, Kirevskij) insistettero sullunicità ed originalità della civiltà russa (slava, ortodossa). Essa deve essere difesa, conservata e rafforzata di contro allOccidente, da un lato, e dal modernismo liberale (anchesso procedente dallOccidente), dallaltro. Gli slavofili affermarono il valore della tradizione, la grandezza dellantichità, lamore per il passato della Russia, ed ammonirono degli inevitabili pericoli del progresso, dellestraneità alla Russia di molti aspetti del modello occidentale.
    Gli eurasisti ereditarono da questa scuola filosofica le posizioni degli ultimi slavofili e svilupparono ulteriormente le loro tesi nel senso di una positiva valutazione dellinflusso dellOriente.
    LImpero Moscovita rappresenta il più alto sviluppo della statualità russa. Lidea nazionale acquisisce un nuovo status: dopo il rifiuto di Mosca di riconoscere lunia Fiorentina (incarceramento e messa al bando del mitropolita Isidoro) e la rapida decadenza, la Rus di Zargrad assume le insegne dellimpero ortodosso.

    Piattaforma politica

    Ricchezza e prosperità, forza dello stato ed efficienza delleconomia, potenza dellesercito e sviluppo della produzione devono essere gli strumenti per il conseguimento di alti ideali. Il senso dello stato e della nazione viene conferito solo dallesistenza di una idea-guida. Quel regime politico che presuppone la fissazione di una idea-guida quale valore supremo venne chiamato dagli eurasisti ideocrazia dal greco idea e kratos, potere. La Russia viene sempre immaginata come Sacra Rus, come potenza [derzhava] che compie la propria peculiare missione storica. La concezione del mondo eurasista deve anche essere lidea nazionale della Russia a venire, la sua idea-guida.

    La scelta eurasista

    La Russia-Eurasia, quale espressione di un impero stepposo-boschivo di dimensioni continentali, esige un proprio modello di direzione. Questa è prima di tutto letica della responsabilità collettiva, del disinteresse, dellaiuto reciproco, dellascetismo, della volontà, della tenacia. Solo qualità simili possono permettere di conservare il controllo sulle vaste e scarsamente popolate terre della zona stepposo-boschiva eurasiatica. La classe dirigente dellEurasia si è formata sulla base del collettivismo, dellascetismo, della virtù guerriera e della rigida gerarchia.
    La democrazia occidentale si è formata nelle condizioni specifiche dellAtene antica e attraverso molti secoli dellInghilterra insulare. Questa democrazia riflette caratteristiche specifiche dello sviluppo locale europeo. Questa democrazia non rappresenta un criterio universale. Per la Russia-Eurasia imitare le norme della democrazia liberale europea è insensato, impossibile e dannoso. La partecipazione del popolo della Russia alla direzione politica deve essere definita con un termine diverso: demotia, dal greco demos, popolo. Questa partecipazione non rifiuta la gerarchia e non deve essere formalizzata in strutture partitico-parlamentari. La demotia presuppone un sistema di consigli territoriali, di governi distrettuali e nazionali (nel caso di popoli di ridotte dimensioni). La demotia si sviluppa sul fondamento dellautogoverno sociale, del mondo contadino. Esempio di demotia è il carattere elettivo delle gerarchie ecclesiastiche da parte dei parrocchiani nella Rus moscovita.

    Lopera di L.N. Gumilev come sviluppo del pensiero eurasista

    Lev Nikolaevic Gumilev (1912-1922), figlio del poeta russo N.Gumilev e della poetessa A.Akhmatova, fu etnografo, storico, filosofo.
    Grande influenza ebbero su Gumilev il libro delleurasista calmucco E.Khara-Vadan Gengis Khan come condottiero ed i lavori di P.S.Savitskij. Nella sua opera Gumilev sviluppò le tesi fondamentali delleurasismo. Verso la fine della sua vita si definiva come lultimo degli eurasisti.

    Momenti fondamentali della teoria di Gumilev

    • La teoria della passionarietà [passionarnost] come sviluppo dellidealismo eurasista;
    • Lessenza della quale, a suo avviso, consiste nel fatto che ogni ethnos, in quanto formazione naturale, è soggetto allinflusso di certi impulsi energetici, sorgenti dal cosmo e causanti leffetto della passionarietà, vale a dire unestrema attività e intensità vitale. In questo caso, lethnos subisce una mutazione genetica, che conduce alla nascita dei passionari individui di particolare temperamento e talento. E questi divengono i creatori di nuovi ethnos, culture e stati;
    • Il richiamo dellattenzione della scienza sulla proto-storia degli imperi nomadi dellOriente e la scoperta del colossale retaggio etnico e culturale dei popoli autoctoni dellAsia antica, interamente confluito nelle grandiose culture dellantichità ma caduto nelloblio (Unni, Turchi, Mongoli, ecc.);
    • Lo sviluppo di unimpostazione turcofila nella teoria della complementarietà etnica.
    ETHNOS è in generale qualsiasi insieme di individui, qualsiasi collettivo: popolo, popolazione, nazione, tribù, clan familiare, fondato su di una comunità di destino storico.
    I nostri antenati Grandi-Russi scriveva Gumilev nei secoli XV, XVI e XVII si mescolarono agevolmente e abbastanza rapidamente con i Tartari del Volga, del Don, dellObi e con i Buriati, che assimilarono la cultura russa. Gli stessi Grandi-Russi si mescolarono facilmente agli Iakuti, assorbendone lidentità e gradualmente venendo in contatto amichevolmente con Kazaki e Calmucchi. Tramite i legami matrimoniali coesistettero pacificamente con i Mongoli nellAsia centrale, così come gli stessi Mongoli e i Turchi fra il XIV e il XVI secolo si fusero con i Russi nella Russia centrale. Pertanto la storia della Rus moscovita non può essere considerata al di fuori del contesto dei contatti etnici russo-tatari e della storia del continente Eurasiatico.

    La comparsa del neo-eurasismo: contesto storico e sociale

    Crisi del paradigma sovietico

    Alla metà degli anni 80 la società sovietica incominciava a perdere connessione e capacità di adeguata riflessione ed autoriflessione. I modelli dellautocomprensione sovietica si incrinarono. La società aveva perso il suo orientamento. Tutti avvertivano la necessità del mutamento, ma questa sensazione era confusa, nessuno sapeva da quale direzione tale mutamento sarebbe provenuto. In quel periodo si formò uno spartiacque poco convincente: forze del progresso e forze della reazione, riformatori e conservatori del passato, partigiani delle riforme ed avversari delle riforme.

    Infatuazione per i modelli occidentali

    In tale situazione il termine riforme divenne di per sé sinonimo di liberal-democrazia. Dal fatto oggettivo della crisi del sistema sovietico si trasse la frettolosa deduzione della superiorità del modello occidentale e della necessità di copiarlo. A livello teorico questo non era assolutamente evidente, dal momento che la mappa ideologica presenta un sistema di scelte nettamente più variegato che non il primitivo dualismo: socialismo capitalismo, accordo di Varsavia - NATO. Prevalse tuttavia proprio questa logica primitiva: i partigiani delle riforme divennero incondizionati apologeti dellOccidente, la cui logica e struttura essi assimilarono rapidamente, mentre gli avversari delle riforme si dimostrarono inerti conservatori del regime tardo-sovietico, la cui logica e struttura sempre più sfuggiva a loro stessi. In tale situazione squilibrata, dal lato dei riformatori-filoccidentali stavano potenziale di energie, novità, aspettative di cambiamento, impulso creativo, prospettive, mentre ai reazionari non restavano che linerzia, limmobilismo, lappello al consueto e al noto. Proprio in questo involucro psicologico ed estetico la politica liberal-democratica occidentale prevalse nella Russia degli anni 90, nonostante che a nessuno fosse stato concesso di compiere una scelta chiara e consapevole.

    Collasso della unità statale

    Il risultato delle riforme fu il collasso dellunità statale sovietica e linizio del crollo della Russia quale vestigia dellURSS. La distruzione del sistema sovietico e della razionalità sovietica non si accompagnò alla creazione di un nuovo sistema e di una nuova razionalità, conformi alle condizioni nazionali e storiche. Gradualmente prevalse un peculiare atteggiamento nei confronti della Russia e della storia nazionale: il passato, il presente e il futuro della Russia incominciarono ad essere letti dal punto di vista dellOccidente, valutati come qualcosa di estraneo, trascendente, alieno (questo paese era una tipica espressione dei riformatori). Questa non era la visione dellOccidente dalla Russia, ma la visione della Russia dallOccidente. Non può sorprendere che in una tale situazione ladozione degli schemi occidentali persino nella teoria dei riformatori venisse invocata non per creare e rafforzare la struttura dellunità statale nazionale, ma per distruggerne i resti. La distruzione dello stato non fu il risultato casuale delle riforme, bensì, di fatto, uno degli obbiettivi strategici di quelle.

    Nascita di unopposizione anti-occidentale (anti-liberale) nelle condizioni post-sovietiche

    Nel corso dello sviluppo delle riforme ed il loro approfondimento linadeguatezza della semplice reazione divenne palese a tutti. In questo periodo (1989-90) incominciò a formarsi la opposizione nazional-patriottica, nella quale confluirono una parte dei conservatori sovietici (disponibili ad un minimo di riflessione), frange dei riformatori delusi dalle riforme o divenuti consapevoli del loro orientamento anti-statuale, e frange di rappresentanti del movimento patriottico, che si erano formate già durante la perestroika e tentavano di dar forma al sentimento della potenza statale [derzhava] in un ambito non comunista (ortodosso-monarchico, nazionalista, ecc.). Con grave ritardo e nonostante la totale assenza di appoggi esterni di ordine strategico, intellettuale e materiale, incominciava confusamente a formarsi il modello concettuale del patriottismo post-sovietico.

    Neo-eurasismo

    Il neo-eurasismo sorse in questo contesto come fenomeno ideologico e politico, divenendo poco alla volta una delle principali direzioni dellautocoscienza patriottica nella Russia post-sovietica.

    Fasi dello sviluppo dellideologia neo-eurasista

    1a fase (anni 1985-90)

    • Seminari e lezioni di A.Dughin in diversi gruppi del nascente movimento conservatore-patriottico. Critica del paradigma sovietico in quanto mancante dellelemento qualitativo spirituale e nazionale.
    • Nel 1989 prime pubblicazioni nella rivista Sovetskaja literatura [Letteratura sovietica]. Edizioni di libri di Dughin in Italia (Continente Russia, 1989) e in Spagna (Rusia Misterio de Eurasia, 1990).
    • Nel 1990 edizione di Crisi del mondo moderno di Réné Guénon con commenti di Dughin e del libro di Dughin Vie dellAssoluto [Puti Absoljuta], con esposizione dei fondamenti della filosofia tradizionalista.
    • In questo periodo leurasismo presenta caratteri di destra-conservatrice, prossimo al tradizionalismo storico, con elementi ortodosso-monarchici, etnico-pochvenniki [legati al concetto della terra], ferocemente critico delle ideologie di sinistra.

    2a fase (anni 1991-93)

    • Avvio di una revisione dellanticomunismo, proprio della prima fase del neo-eurasismo. Rivalutazione del periodo sovietico nello spirito dei nazional-bolscevchi e degli eurasisti di sinistra.
    • Visita a Mosca di esponenti della Nuova Destra (Alain de Benoist, Robert Steuckers, Carlo Terracciano, Marco Battarra, Claudio Mutti e altri).
    • Leurasismo acquista popolarità allinterno dellopposizione patriottica e fra gli intellettuali.
    • Basandosi sullaffinità terminologica, A.Sakharov parla già di Eurasia, ma solo in senso strettamente geografico, e non politico e geopolitico (e senza mai avvalersi delleurasismo in quanto tale, così come fu atlantista convinto); una frangia di democratici tenta di dar vita ad un progetto di eurasismo democratico (G.Popov, S.Stankevic, L.Ponomarev).
    • Di un proprio eurasismo parlano anche O.Lobov, O.Soskovets, S.Baburin.
    • Nel 1992-93 pubblicazione del primo numero di Elementi. Rivista eurasista.
    • Insegnamento della geopolitica e dei fondamenti delleurasismo in istituti superiori ed accademiche. Numerose traduzioni, articoli, seminari.

    3a fase (anni 1994-98): sviluppo teorico dellortodossia neo-eurasista

    • Pubblicazione dei fondamentali lavori di Dughin Misteri dellEurasia [Misterii Evrazii] (1996), Cospirologia [Konspirologija] (1994), Fondamenti di geopolitica [Osnovy Geopolitiki] (1996), La rivoluzione conservatrice [Konservativnaja revoljutsija] (1994), Templari del Proletariato [Tampliery proletariata] (1997). Pubblicazione di opere di Trubetskoj, Vernadskij, Alekseev e Savitskij da parte delle edizioni Agraf (1995-98).
    • Creazione del sito Arctogaia (1996) www.arctogaia.com.
    • Comparsa di riferimenti diretti e indiretti alleurasismo nei documenti programmatici del KPFR (Partito comunista], LDPR [Partito Liberaldemocratico] e NDR [Nuova Russia Democratica] (ossia di sinistri, destri e centristi). Aumento del numero di pubblicazioni su temi eurasisti. Edizione di numerosi opuscoli eurasisti.
    • Critica delleurasismo da parte dei nazionalisti russi, fondamentalisti religiosi e comunisti ortodossi, nonché dei liberali.
    • Manifestazioni di una versione accademica debole delleurasismo (proff. A.S.Panarin, V.Ja.Paschenko, F.Girenok e altri) - con elementi del paradigma illuminista, negato dallortodossia eurasista che si evolve verso posizioni più radicalmente antioccidentali, anti-liberali ed anti-globaliste.
    • Inaugurazione di ununiversità dedicata a L.Gumilev ad Astan [Kazakistan].

    4a fase (anni 1998-2001)

    • Graduale disidentificazione del neo-eurasismo rispetto alle collaterali manifestazioni politico-culturali e partitiche, svolta in direzione autonoma (Arctogaia, Nuova Università, Irruzione [Vtorzhenie] al di fuori dellopposizione, dei movimenti di estrema sinistra e destra.
    • Impostazioni fondamentali della metodologia geopolitica.
    • Apologia dello staroobrjadchestvo [Vecchia Credenza].
    • Spostamento su posizioni centriste in politica, sostegno a Primakov nella sua nomina a premier. Dughin diventa consigliere del portavoce della Duma G.N.Seleznev.
    • Pubblicazione del pamphlet eurasista La nostra via [Nash put] (1998).
    • Pubblicazione di Irruzione eurasista [Evraziikoe Vtorzhenie] come supplemento a Zavtra. Crescente allontanamento dallopposizione ed avvicinamento alle posizioni del governo.
    • Ricerche teoriche, elaborazioni, pubblicazione de La cosa russa [Russkaja vesch] (2001), pubblicazioni su Nezavisimaja Gazeta, Moskovskij Novosti, ciclo di trasmissioni su Finis Mundi a Radio 101, ciclo di trasmissioni su temi di geopolitica e neo-eurasismo a Radio Svobodnaja Rossija (1998-2000).

    5a fase (anni 2001-2002)

    • Fondazione del Movimento Politico-Sociale Panrusso EURASIA su posizioni di centro radicale, dichiarazione di pieno appoggio al Presidente della Federazione Russa V.V.Putin (21 aprile 2001).
    • Adesione ad EURASIA del dirigente del Centro di Direzione Spirituale dei Musulmani di Russia, sheik-ul-islam Talgat Tadjuddin.
    • Edizione del periodico Evraziizkoe obozrenie [Rivista eurasista].
    • Manifestazione del neo-eurasismo ebraico (A.Eskin, A.Shmulevic, V.Bukarskij).
    • Creazione del sito del Movimento EURASIA - www.eurasia.com.ru
    • Conferenza Minaccia Islamica o minaccia per lIslam?. Intervento di H.A.Noukhaev, teorico ceceno delleurasismo islamico (Vedeno o Washington?, Mosca, 2001].
    • Uscita di libri di E.Khara-Davan e Ja.Bromberg (2002).
    • Processo di trasformazione del Movimento EURASIA in partito (2002).

    Posizoni filosofiche fondamentali del neo-eurasismo

    Sul piano teorico il neo-eurasismo è consistito nella rinascita dei princìpi classici di questo movimento in una fase storica qualitativamente nuova e nella trasformazione di tali princìpi in fondamenti di un programma ideologico e politico e di una visione del mondo. Leredità degli eurasisti classici venne assunta come fondamentale visione del mondo per la lotta ideale (politica) nel periodo post-sovietico, come piattaforma spirituale-politica del patriottismo integrale.
    I neo-eurasisti hanno sussunto le posizioni fondamentali delleurasismo classico, li hanno scelti come piattaforma, punti di partenza, basi teoretiche e fondamenti per il futuro sviluppo e impiego pratico.
    In campo teorico i neo-eurasisti hanno coscientemente sviluppato i princìpi fondamentali delleurasismo classico tenendo conto dellampio contesto filosofico, culturale e politico delle idee del XX secolo.
    Ognuna delle posizioni fondamentali degli eurasisti classici (vedi il paragrafo Posizioni fondamentali delleurasismo classico) ha ricevuto un suo sviluppo concettuale.

    Concezione della civiltà

    La critica della società borghese occidentale da posizioni di sinistra (sociali) si sovrappose alla critica di quella stessa società da posizioni di destra (civiltà). Lidea eurasista del rifiuto dellOccidente viene rafforzata grazie al vasto arsenale della critica dellOccidente da parte di rappresentanti dellOccidente stesso, in disaccordo con la logica del suo sviluppo storico (quantomeno negli ultimi secoli). A questa idea della fusione delle più disparate (e talvolta politicamente contraddittorie) concezioni della negazione del carattere normativo della civiltà occidentale gli eurasisti giunsero non immediatamente, ma per gradi, dalla fine degli anni 80 alla metà degli anni 90.

    Alla critica della civiltà romano-germanica
    venne dato grande rilievo, avendo come base la prioritaria analisi del mondo anglosassone, degli USA. Nello spirito della Rivoluzione Conservatrice tedesca e della nuova destra europea il mondo occidentale venne differenziato nella componente atlantica (USA + Inghilterra) e nella componente Europea continentale (propriamente, romano-germanica). LEuropa continentale viene qui vista come fenomeno neutrale, passibile di integrazione a determinate condizioni nel progetto eurasista.

    Il fattore spaziale

    Il neo-eurasismo è mosso dallidea di una totale revisione della storia della filosofia secondo posizioni spaziali. In questo trovano il loro punto dunione i più diversi modelli di visione ciclica della storia da Danilevskij a Spengler, da Toynbee a Gumilev.
    Tale principio trova una più pregnante espressione nella filosofia tradizionalista, che nega radicalmente lidea di evoluzione e progresso e fonda questa negazione su dettagliati calcoli metafisici. Da qui la teoria tradizionale dei cicli cosmici, dei molteplici stati dellessere, della geografia sacra, e così via. I princìpi fondamentali della teoria dei cicli sono dettagliatamente illustrati nei lavori di Guénon (e dei suoi seguaci G.Georgel, T.Burckhardt, M.Eliade, A.Corbin). E stato pienamente riabilitato il concetto di società tradizionale, la quale o non conosce storia o la realizza secondo i riti e miti delleterno ritorno. La storia della Russia è vista non semplicemente come uno dei tanti sviluppi locali, ma come lavanguardia del sistema spaziale (Oriente) contrapposto a quello temporale (Occidente).

    Stato e nazione

    Dialettica della storia nazionale

    • Viene condotta fino alla formulazione dogmatica definitiva, incluso il paradigma istoriosofico del nazional-bolscevismo (N.Ustrjalov) e la sua interpretazione (M.Agurskij). Il modello è il seguente:
    • Il periodo di Kiev come preannuncio della missione nazionale a venire (IX-XIII sec.);
    • Invasione mongolo-tatara come scudo contro le tendenze livellatrici europee, l'impulso geopolitico e amministrativo dellOrda viene trasferito ai Russi, divisione dei Russi fra occidentali ed orientali, differenziazione di tipi culturali, formazione dei Grandi-Russi sulla base dei russi-orientalisotto il controllo dellOrda (XIII-XV sec.);
    • Impero moscovita come apice della missione nazional-religiosa della Rus (Terza Roma) (XV-fine XVII sec.);
    • Giogo romano-germanico (Romanov), collasso dellunità nazionale, divisione fra élite filoccidentale e masse nazionali (fine XVII-inizio XX sec.).
    • Periodo sovietico, rivincita delle masse nazionali, periodo del messianismo sovietico, ristabilimento dei parametri fondamentali della linea direttrice moscovita (XX sec.);
    • Fase di torbidi, che deve concludersi in una nuova spinta eurasista (inizio XXI sec.).

    Piattaforma politica

    Il neo-eurasismo integra la metodologia della scuola di Vilfrido Pareto, si muove entro la logica della riabilitazione della gerarchia organica, riprende alcuni motivi nietzscheani, sviluppa la dottrina della ontologia del potere, della concezione Ortodossa del potere come katechon. Lidea di élite integra le costruzioni dei tradizionalisti europei, autori di ricerche sul sistema delle caste nelle società antiche e della sua ontologia e sociologia (R.Guénon, J.Evola, J.Dumézil, L.Dumont). La teoria della passionarietà di Gumilevic sta a fondamento della concezione della nuova élite eurasista.

    La tesi della demotia
    è la prosecuzione delle teorie politiche della democrazia organica da J.J.Rousseau a C.Schmitt, J.Freund, A.de Benoist e A.Mueller van der Bruck. Definizione del concetto eurasista di democrazia (demotia) come partecipazione del popolo al suo proprio destino.

    La tesi dell ideocrazia
    dà fondamento al richiamo alle idee della rivoluzione conservatrice e della terza via, alla luce dellesperienza delle ideocrazie sovietica, israeliana, islamica, analizza i motivi del loro insuccesso storico. Viene ripensato criticamente il contenuto qualitativo dellideocrazia del XX secolo, viene elaborata una conseguente critica del periodo sovietico (predominio della concezione quantitativa e delle teorie profane, peso sproporzionato della concezione classista).

    Allo sviluppo delle idee degli eurasisti classici concorrono i seguenti elementi:

    • La filosofia del tradizionalismo (Guénon, Evola, Burckhardt, Corbin), lidea della decadenza radicale del mondo moderno, profondo insegnamento della Tradizione. La concezione globale del mondo moderno (categoria negativa) come antitesi del mondo della Tradizione (categoria positiva) conferisce alla critica della civiltà occidentale un fondamentale carattere metafisico, precisando il contenuto escatologico, critico, fatale dei fondamentali processi di ordine intellettuale, tecnologico, politico ed economico che originano in Occidente. Le intuizioni dei conservatori russi, dagli slavofili agli eurasisti classici, vengono completate da una fondamentale base teorica. (Cfr. A.Dughin, La Patria Assoluta [Absoljutnaja Rodina], Mosca 1999; La Fine del Mondo [Konets Sveta], Mosca 1997; Julius Evola et le conservatisme russe, Roma 1997).
    • Lindagine sulle strutture del sacro (M.Eliade, K.G.Jung, C.Levi-Strauss), la rappresentazione della coscienza arcaica come del complesso manifestazionista paradigmatico che giace alle radici della cultura. La riduzione del multiforme pensiero umano, della cultura, ad antiche stratificazioni psichiche, dove sono concentrati frammenti di arcaici rituali iniziatici, miti, complessi sacrali originari. Interpretazione del contenuto della cultura razionale attraverso il sistema delle antiche credenze pre-razionale (A.Dughin, Levoluzione dei fondamenti paradigmatici della scienza [Evoljutsija paradigmalnyh osnovanij nauki], Mosca 2002).
    • La ricerca dei paradigmi simbolici originari della matrice spazio-temporale, che sta alla base di riti, linguaggi e simboli (H.Wirth, ricerche paleo-epigrafiche). Il tentativo di fondazione dei monumenti linguistici (Svityc-Illic), epigrafici (runologia), mitologici, folkloristici, rituali e di diverso genere ricostruisce una originale mappa della concezione sacra del mondo comune a tutti gli antichi popoli dEurasia, lesistenza di radici comuni (Cfr. A.Dughin Teoria iperborea [Giperborejskaja Teorija], Mosca 1993.
    • Il bilancio dello sviluppo delle idee geopolitiche in Occidente (Mackinder, Haushofer, Lohhausen, Spykman, Brzeszinski, Thiriart e altri). Dallepoca di Mackinder la scienza geopolitica ha conosciuto una consistente evoluzione. Il ruolo delle costanti geopolitiche nella storia del XX secolo è apparso con chiarezza tale da fare della geopolitica una disciplina autonoma. Nel contesto della geopolitica, il concetto stesso di eurasismo ed Eurasia ha acquistato un nuovo, più ampio significato. Da un certo momento in poi, eurasismo, in senso geopolitico, ha incominciato a indicare la configurazione continentale di un blocco strategico (esistente o potenziale), creato attorno alla Russia o sulla sua base allagata, e in antagonismo (attivo o passivo) alle iniziative strategiche del contrapposto polo geopolitico latlantismo, alla testa del quale alla metà del XX secolo si sono insediati gli USA al posto dellInghilterra. La filosofia e lidea politica dei classici russi delleurasismo in tale situazione sono state considerate come la più conseguente e potente espressione (completamento) delleurasismo nel suo significato strategico e geopolitico. Grazie allo sviluppo delle indagini geopolitiche (A.Dughin, Fondamenti di geopolitica [Osnovye geopolitiki], Mosca 1997] il neo-eurasismo diventa un sistema metodologico evoluto. Risalta particolarmente significato della coppia Terra Mare (secondo Carl Schmitt), la proiezione di tale coppia su di una pluralità di fenomeni dalla storia della religione alleconomia.
    • La ricerca di unalternativa globale al mondialismo (globalismo), in quanto fenomeno ultra-moderno, riassumente tutto ciò che leurasismo (ed il neo-eurasismo) valutano con segno negativo. Leurasismo in senso lato diviene la piattaforma concettuale dellantiglobalismo ovvero del globalismo alternativo. L eurasismo riunisce tutte le tendenze contemporanee che negano al globalismo un contenuto oggettivo (ed a maggior ragione positivo), offre allintuizione antiglobalista un nuovo carattere di generalizzazione dottrinale.
    • Lassimilazione della critica sociale della nuova sinistra in una interpretazione di destra-conservatrice (ripensamento delleredità di M.Foucault, G.Deleuze, A.Artaud, G.Débord). Assimilazione del pensiero critico degli oppositori del sistema occidentale borghese dalle posizioni dellanarchismo, neo-marxismo ecc. Questo polo concettuale rappresenta una nuova fase di sviluppo delle tendenze di sinistra (nazional-bolsceviche) esistenti anche fra i primi eurasisti (Suvchinskij, Karsavin, Efron), ed anche una metodologia di comprensione reciproca con lala sinistra dellantiglobalismo.
    • Economia della terza via, autarchia dei grandi spazi. Applicazione di modelli economici eterodossi alla realtà russa post-sovietica. Applicazione della teoria delle unioni doganali di F.List. Attualizzazione delle teorie di S.Gesell. F.Schumpeter, F.Leroux, nuova lettura eurasista di Keynes.
    Articolo pubblicato sulla rivista Evraziiskoe Obozrenie, n. 5 2002. Traduzione dall'originale russo di M.Conserva

    : - , Russia.ru


    : , Georgia Times


    - -. , russia.ru


    . " ",


    . Russia.Ru


    : . GeorgiaTimes.TV


    . "-"


    vs.: .


    : . Russia.Ru


    4 : . " 24"

    :
    -
    ()

    (-)

    (-)

    ()
    -
    (-)

    ( )

    ()

    ( )

    ()

    ()
    ...